UNA NOVITÀ ASSOLUTA PRESENTATA PER LA PRIMA VOLTA AL PUBBLICO AL MUSEO D’ARTE CONTEMPORANEA DI LISSONE IN OCCASIONE DELLA MOSTRA CORPO COSMICO DI MICHELE ZAZA

13 DICEMBRE 2014 AL 15 FEBBRAIO 2015

Sarà la mostra Corpo Cosmico di Michele Zaza, in programma al Museo d’Arte Contemporanea di Lissone dal 13 dicembre 2014 al 15 febbraio 2015, a dare il via al progetto Art Bug.Art Bug è un’applicazione innovativa per smartphone Apple e Android, sviluppata da All Around Art in collaborazione con Webtags, dedicata a musei e gallerie d’arte, a spazi espositivi pubblici e privati, a monumenti e luoghi di interesse.

Concepito come una piattaforma aperta, il progetto Art Bug è in continua evoluzione e crescita. Si avvale della tecnologia dei beacons, dispositivi wireless che, una volta individuata la presenza di uno smartphone con Bluetooth attivo, interagiscono direttamente con l’applicazione, segnalando agli utenti contenuti specifici. art bug crea così visite guidate interattive a mostre temporanee e collezioni, costruisce percorsi guidati a siti di rilevanza storica e città d’arte.

Scaricando Art Bug gratuitamente dagli store Apple e Android, il visitatore sarà accompagnato lungo il percorso espositivo ottenendo notizie e approfondimenti riguardanti l’artista e le opere che man mano si trova davanti, insieme ad altre informazioni pratiche. Art Bug è in grado di offrire al pubblico una moderna forma di fruizione dell’arte, aiutando i visitatori nella comprensione delle opere.

Con Art Bug l’utente può accedere alle visite virtuali di tutti i luoghi in cui è presente questo sistema informativo e didattico e potrà sempre consultare l’archivio degli eventi conclusi, anche offline, dal proprio smartphone. Da oggi non è quindi più necessario scaricare una singola applicazione per ogni mostra o evento. Basta aggiornare Art Bug per sapere in quali mostre e in quali luoghi è possibile usufruire del nostro servizio.

Art Bug mira a diventare una community di tutti gli utenti che amano l’arte e desiderano conoscere il nostro patrimonio culturale e che hanno quindi scelto di installare l’applicazione sul proprio smartphone ed è pensato per interagire con i principali social network (Facebook e Twitter) per favorire la diffusione delle informazioni e l’ampliamento della community di utenti e della rete di luoghi che usano questo sistema.